ENSEMBLE DA CAMERA - MUSICA CLASSICA E CONTEMPORANEA

 
 

 

PROSSIMI CONCERTI

Ascensione 2019.JPG

FESTIVAL ASCENSIONE 2019

DOMENICA 5 MAGGIO
Ensemble Gilles Binchois - D. Vellarddirezione


DOMENICA 12 MAGGIO
Accademia del Ricercare - P. Buscadirezione

DOMENICA 19 MAGGIO
Consort de’ Carraresi - G. Schiavodirezione

DOMENICA 26 MAGGIO
Ensemble Vocale Harmonia Cordis - D. Tabbiadirezione - A. Corti, organo

DOMENICA 2 GIUGNO
Ensemble De Labyrintho - W. Testolindirezione

DOMENICA 9 GIUGNO
Noema Ensemble
W. Testolin, direzione - A. Cortiorgano

IN PRIMO PIANO

Leone_Sinigaglia.jpg

MERCOLEDI 28 AGOSTO 2019, ore 21

CONCERTO IN OMAGGIO A LEONE SINIGAGLIA

Musiche di A.Dvorak, L.Sinigaglia, E. Madyczewski, G.Bolzoni

ENSEMBLE HORNPIPE

Flauto: Clarice Zdanski - Oboe: Tracie MacKenzie Violino I: Valentina Ghirardani - Violino II: Silvia Canavero - Viola: Luca Vonella - Violoncello: Francesca Gatto, Mariam Maisuradze - Contrabbasso: Massimiliano Confalonieri

Sala della Musica del Teatro Comunale,

Santa Maria Maggiore, (VB)


STAGIONE 2017-2018

069.JPG

ROSSINI E IL SUO TEMPO

Nato alla fine del XVIII secolo e divenuto famoso giovanissimo, Rossini (1794-1868) continuò e rinnovò la tradizione del melodramma settecentesco facendolo diventare il genere che tutti conosciamo. Se il suo belcantismo e le sue celeberrime ouverture sono elementi che vengono dall’epoca di Scarlatti, Haendel e Porpora, con Rossini e con i suoi successori acquistano tuttavia nuova vita e nuova funzione all’interno dell’opera romantica, genere che resta di intrattenimento ma che sempre più diventa linguaggio musicale specifico e autonomo, soprattutto in Italia.

Il suo successo fu tale che resistette a guerre, cambi di regime e di forme di governo, rivoluzioni e restaurazioni, unificazioni e annessioni, cambi di lingua e gusto. La sua musica rimase in repertorio per tutto l’Ottocento, come aveva profeticamente annunciato Beethoven nel celebre (e dubbio) incontro con Rossini del 1822: “Mi congratulo con lei, Il Barbiere di Siviglia è una eccellente opera buffa che ho letto con piacere e che durerà fin che esisterà l’opera italiana”.


""Ah Rossini, è lei l'autore del Barbiere di Siviglia? Le faccio i miei complimenti, è un'eccellente opera buffa; l'ho letta con piacere e mi sono divertito. Fino a che ci sarà un teatro d'opera italiano verrà eseguita. Non cerchi mai di fare altro che opere buffe; voler riuscire in un altro genere significherebbe forzare il suo destino." Beethoven, 1822